Giovedì 9 novembre riapre il Teatro Rossini per la Ventunesima stagione. Vent’anni di successi che sono stati possibili grazie alla vostra costante partecipazione.

E se partecipare significa essere liberi, la vostra è una libertà che straripa!

Giovedì 9 novembre riapre il Teatro Rossini per la Ventesima stagione. Vent’anni di successi che sono stati possibili grazie alla vostra costante partecipazione.

E se partecipare significa essere liberi, la vostra è una libertà che straripa!

Per festeggiare un anniversario così importante il Rossini aprirà le sue porte per l’intera giornata. Dalle 9:00 alle 12:00, infatti, accoglierà sia i bambini delle scuole della nostra città sia tutti coloro i quali vogliono varcare i suoi drappeggi alla scoperta dei luoghi e dei racconti che vivono dietro il suo grande sipario. 

Alle 20:30 vi regalerà, infine, le suggestive atmosfere del circo contemporaneo declinato attraverso le performance di Piergiorgio Milano, in scena con il suo Pesadilla, e la compagnia Zenhir, con Ah, com’è bello l’uomo. Al termine della serata potremo vivere tutti insieme un momento di convivialità grazie al gradevole buffet offerto da “Ladisa Ristorazione”.

Per gli spettacoli dell’anteprima è indispensabile munirsi del Coupon che potete ritirare presso il botteghino il Martedì e il Giovedì dalle 18:00 alle 20:00, fino al 9 novembre e fino ad esaurimento dei posti disponibili. 

Dal 10 di novembre il botteghino rimarrà aperto per la campagna abbonamenti alla Stagione 2017/2018, a cura del Teatro Pubblico Pugliese, che anche quest’anno vedrà avvicendarsi spettacoli di grande rilevanza e di elevato valore artistico. 

Potete venire a ritirare il vostro abbonamento al botteghino che sarà aperto dal Martedì al Venerdì dalle 18:00 alle 20:00!

 

Pesadilla è uno spettacolo di movimento che esce dagli schemi. La danza contemporanea viene utilizzata insieme a poetiche proprie del circo contemporaneo, del teatro fisico e della comicità clownesca. Il vocabolario dello spettacolo si compone d'un insieme continuo di circo, danza e teatro, così come sottolinea la giuria del premio Equilibrio 2015: «Abbiamo avvertito la capacità di inventare percorsi narrativi multipli al servizio di un’idea ispirata alla quotidianità, in grado di interessare tutti i pubblici. Abbiamo apprezzato la capacità di Piergiorgio di utilizzare una libertà del gesto al confine tra differenti tecniche coreografiche e circensi»

Pesadilla significa incubo.

Pesadilla racconta la ricerca dell’equilibrio precario

tra un sogno ad occhi aperti ed una vita

ad occhi chiusi.

 

Un uomo ed una donna attraverso l’evoluzione dell’essere umano negli ultimi suoi secoli/negli ultimi suoi anni/oggi. Esplorando, con entusiasmo, i diversi modi di comunicare e le maniere di relazionarsi, toccano sei fasi simboliche. È con un circo dipinto d’umano e di gioco che i due passano dall’homo primaris, nudo e puro, all’homo superlativis, schiavo della tecnologia.